Assegno Unico

 Servizio a pagamento


Prima fase:

  • Scarica il modulo di richiesta
  • Compila il modulo
  • Paga il servizio qui


Seconda fase:

invia tutto qui

 allegando:

  • la ricevuta di pagamento,
  • il modulo di richiesta
  • la documentazione (come da elenco presente sul modulo).


Ti potrebbero servire:

  • Scanner per cellulari qui
  • Firmare online qui


Importante:

I File da inviare devono essere rigorosamente in formato PDF, max 1Mb, niente foto. Inoltre per ogni tipologia di documento fare il relativo allegato (es: documenti dichiarante fare allegato, documenti familiari fare altro allegato, e così via)

Assegno Unico


    L'Assegno unico e universale per ogni figlio a carico (Auuf) è una misura a sostegno della genitorialità e per la promozione dell'occupazione, in particolare femminile. 

    L'assegno unico è un assegno mensile a tutte le famiglie con figli fino al compimento del 21esimo anno di età ed andrà ad includere altre misure a favore della famiglia come:

    • l’assegno per il nucleo familiare;
    • il premio alla nascita o all’adozione;
    • il bonus Bebè;
    • l’assegno ai nuclei con almeno tre figli minori;
    • il fondo di sostegno alla natalità;
    •  le detrazioni Irpef per figli a carico

    A decorrere dal 1° gennaio 2022 i nuclei familiari potranno effettuare la domanda di assegno unico.


    A chi spetta

    L'assegno unico spetta a tutte le famiglie con figli (dal settimo mese di gravidanza al al compimento del 21° anno di età) e non beneficiarie degli ANF (assegni al nucleo familiare). 

    A differenza della precedente misura temporanea l’assegno unico e universale è esteso a tutti i lavoratori, sia subordinati che autonomi.

    L'assegno unico è esteso anche in caso di minori in affidamento.


    Quali sono i requisiti per richiedere l'Assegno Unico

    I requisiti per accedere all'assegno unico temporaneo sono di tipo soggettivo ed economico.

    I requisiti soggettivi sono:

    • Essere cittadino italiano o cittadino di uno Stato membro dell’Unione Europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno;
    • Essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione Europa, in possesso del permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno semestrale;
    • Essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia; 
    • Essere domiciliato e residente in Italia; 
    • Avere figli a carico fino al compimento del 21° anno di età; 
    • Essere residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi oppure essere titolare di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato o determinato di durata non inferiore a sei mesi.

    Il requisito economico è invece legato alla presentazione di un ISEE in corso di validità che determinerà l'importo dell'assegno.

    L’assegno viene erogato in misura decrescente all’aumentare del livello di ISEE (fino ad azzerarsi a 50.000 euro di ISEE), oltre che in funzione del numero dei figli. Infatti l’importo cambia a seconda che nel nucleo siano presenti uno o due figli minori oppure almeno tre figli minori (in quest’ultimo caso l’importo è maggiorato del 30%). Inoltre l'ammontare dell'indennizzo è maggiorato di 50 euro per ciascun figlio minore con disabilità, così come classificata ai fini ISEE (medio, grave e non autosufficiente).

    L'assegno unico è compatibile con altre misure di sostegno al reddito?

    Sì, l'assegno unico è compatibile con altre forme di sostegno, come ad esempio il reddito di cittadinanza.


    Come viene erogato

    L’assegno sarà erogato sotto forma di credito di imposta o erogazione diretta della somma dovuta mediante bonifico bancario e viene accreditato alla madre che ha effettuato la richiesta. 

    Dai 18 anni di età, inoltre, una somma ridotta rispetto all'assegno potrebbe essere accreditata direttamente al figlio se:

    • è iscritto all’università;
    • è un tirocinante;
    • è iscritto a un corso professionale;
    • svolge il servizio civile;
    • svolge un lavoro a basso reddito.


    Qual è l'importo dell'assegno?

    Come indicato l'importo dell'assegno dipenderà in parte dalla situzione economica del richiedente risultante dall’indicatore ISEE.  L'assegno è determinato da un valore fisso ed uno variabile (in base al reddito complessivo della famiglia) e potrà partire da 50€ (per ISEE superiori ai 40.000€) al mese fino a 175€.

    L'assegno può prevedere maggiorazioni nei seguenti casi:

    • per le famiglie particolarmente numerose
    • per le mamme di età inferiore a 21 anni
    • per famiglie in cui entrambi i genitori lavorano
    • famiglie con figli disabili

    In quest'ultimo caso gli assegni sono modulati in base al grado di disabilità:

    • per non autosufficienti : 100 euro
    • disabilità grave: 95 euro
    • disabilità media: 90 euro
    • disabile dai 18 ai 21 anni: 50 euro

    Nel caso di figli con disabilità viene meno anche il limite di età del ventunesimo anno.


    Quando può essere richiesto?

    L'asssegno unico può essere richiesto dalla madre a partire dal 1° gennaio 2022.
    L'assegno sarà erogato dall’INPS a partire da marzo 2022 alle famiglie che ne hanno fatto domanda.

    Quali sono i documenti necessari per completare la richiesta?

    I documenti necessari per completare correttamente la richiesta sono:

    • Carta d'Identità richiedente
    • Codici fiscali dei minori più altro genitore
    • ISEE (in caso non l'hai a disposizione richiedi il servizio ISEE Online)
    • IBAN Richiedente

    Scopri i vantaggi ora:

    • Prestiti Personali
    • Mutui
    • Cessioni del V


    Richiedi una consulenza con i nostri esperti

    Scopri i vantaggi ora:

    • Luce
    • Gas
    • Subentri
    • Volture


    Richiedi una consulenza con i nostri esperti